Descrizioni Aggiuntive

Fusione inertizzazione vetrosa delle ceneri

L'inertizzazione delle ceneri è un altro grosso passo in avanti, non solo contro l'inquinamento, ma anche contro il consumo ormai esagerato di inerti, per quanto poca cosa, il 10- 12% del peso del materiale di scarto combustibile inserito nell'impianto, diventerà una materia prima secondaria, cioè un materiale inerte, senza nessuna cessione ne in acque acide ne basiche, adattissimo come riempimento drenante (per la forma sferica che ha), oppure data la natura di fluido fuso, potrà assumere, se colato in degli stampi dei manufatti più svariati, dai mattoni autobloccanti, per marciapiedi ai rompiflussi nelle curve dei fiumi, o marini.

Stoccaggio dei rifiuti

La grande flessibilità del pirogassificatore porta a diminuire moltissimo gli stoccaggi dei rifiuti se non addirittura ad eliminarli del tutto. La tramoggia che si apre e si chiude dopo caricata, nasconde la quantità di cascame inseritogli dentro, per il tempo dell'arrivo del carico seguente. Lo stoccaggio quindi serve solo per la migliore miscelazione dei vari scarti, più o meno combustibili, preferendo di immettere, subito nell'impianto, gli scarti più deperibili o pericolosi.

Gestione e manutenzione

Sia la gestione che la manutenzione, è stata ridotta al minimo, e può essere eseguita totalmente in sito anche senza fermo macchina. Ma è importante sapere che, avendo questo impianto un generatore di vapore a media pressione con la produzione di oltre 5000 Kg/ora, serve un conduttore di caldaie patentato per ogni turno di lavoro, per tutte le 24 ore. La manutenzione ordinaria si limita a caricare i rifiuti nella tramoggia.